Zefiro torna e ‘l bel tempo rimena

Finalmente è primavera! Parafrasando il testo del celeberrimo madrigale Zefiro torna e ‘l bel tempo rimena di Monteverdi – eseguito lo scorso 2 marzo dal coro Musicanova nel concerto per il ventennale dell’associazione –  una tiepida brezza annuncia l’arrivo della bella stagione e porta con sé il fiorire dei prati e il garrito delle rondini. La primavera 2019 è infatti ufficialmente iniziata il 20 marzo alle ore 22:58 (italiane). Ci troviamo,  letteralmente, nei giorni descritti dalla locuzione latina primo vere, “all’inizio della primavera” (la cui traduzione puntuale crea un divertente effetto scatola cinese). Non c’è bisogno di ribadire l’importanza dell’equinozio di primavera, evento astronomico che significa “notte uguale” [al dì], anticamente associato ai temi della rinascita e della fertilità; ma ricordiamo alcuni dei personaggi nati in questo periodo dell’anno e per cui siamo molto grati alla primavera: Publio Ovidio Nasone, Spike Lee, Franco Battiato, Dario Fò e Johann Sebastian Bach (quest’ultimo ricordato anche da Google con un simpatico doodle musicale https://bit.ly/2Fju4RI).

Stante la fascinazione per un periodo dell’anno così ricco di suggestioni, bisogna però fare i conti  con la proverbiale imprevedibilità del meteo e con gli ultimi, ma non per questo meno virulenti, strascichi influenzali e, dulcis in fundo, con l’inizio della stagione delle allergie. Questo è particolarmente vero per chi fa uso amatoriale o professionale dello strumento voce e vuole prendersene cura al meglio. I modi per farlo sono tantissimi e la verità sulla loro efficacia è di fatto un segreto di Pulcinella: non esistono rimedi miracolosi, ma la costanza nella pratica di semplici accorgimenti fa miracoli. Un’alimentazione equilibrata, tante ore di buon sonno e l’astensione dal fumo sono le basi della corretta igiene vocale. Abbiamo chiesto ai nostri coristi come si prendono cura della loro voce e i preferiti sono i rimedi naturali, o “della nonna”: gli intramontabili suffumigi, per cui si prende una bacinella piena di acqua calda, si versa qualche goccia di olio essenziale (timo, camomilla, eucalipto, etc.) e un cucchiaino di bicarbonato, dopodiché si fanno dei vocalizzi aspirando il vapore con la testa coperta da un asciugamano; utilissimo è anche lo zenzero, spezia dotata di potere antinfiammatorio, antidolorifico, antiossidante, digestivo e antibatterico (!), da usare grattugiato fresco su insalate o infuso in acqua bollente con un cucchiaino di miele e del limone. La celebre erba del cantante, l’erisimo, risulta molto utile sotto forma di infuso, olio essenziale e pastiglie per mantenere la voce in forma e squillante ma, a differenza di quanto si pensi, non può ristabilire una voce duramente provata, in tal caso l’unico rimedio veramente efficace è il silenzio. Saper dosare le parole, dunque, e saper dosare anche il riso (senza però cadere nell’eccessivo zelo censorio di Jorge da Burgos), i cantori più diligenti faranno infatti attenzione alle risate che, soprattutto prima di una performance, contribuiscono a “sporcare” la voce a causa di un eccesso di mucosità nella laringe.

Tra i tanti aspetti della stagione fiorita spicca quello di musa ispiratrice di innumerevoli compositori, per entrare nello spirito primaverile il nostro consulente musicale consiglia:

Våren di Edvard Grieg https://youtu.be/3zGRQsYZE7U

O primavera di Heinrich Schütz https://youtu.be/rDjcN-uOSyM

Duetto dei fiori dall’opera Lakmé di Léo Delibes https://youtu.be/C1ZL5AxmK_A

La primavera di Antonio Vivaldi https://youtu.be/RnwuF-MCRuo

Nessun commento ancora

Lascia un commento

facebook like buttonFacebookFacebookFacebookFacebook